mercoledì 20 giugno 2018

La rivelazione del professore di Matematica: «da quando mi sono detto cattolico...»


 
di Francesco Malaspina*
*docente di Geometria algebrica presso il Politecnico di Torino

Da quando mi sono esposto (per esempio con questo articolo) come matematico credente mi è capitato di confrontarmi con diversi scienziati sul tema scienza-fede. Sono rimasto davvero colpito dal grande rispetto verso il mio credere che ho riscontrato anche da parte dei colleghi più apertamente lontani dal pensiero cristiano o anticlericali dichiarati.
Mi sembra che esso non sia semplicemente dovuto alla tendenza al “politicamente corretto” o alla cordialità e stima reciproca tra scienziati ma ci sia qualcosa di più profondo. Ho l’impressione che si stia andando verso un superamento del secolare...


CONTINUA SU: https://www.uccronline.it/2018/06/20/da-quando-mi-sono-esposto-come-matematico-cattolico-ho-scoperto-che/

Mons. Zuppi come Salvini: «Aiutiamo i migranti a casa loro».

Il tema immigratorio è al centro del dibattito pubblico, seguendo l’attività del ministro Salvini. Eviteremo di immergerci nel calderone dei commentatori di una situazione tanto complessa quanto poco adatta alla grossolanità dei social network, dove inutilmente si scannano i buonisti del “dentro tutti” e i cattivisti del “fuori tutti” (interessante l’editoriale di Antonio Polito). Guerriglia social cui partecipano purtroppo moltissimi cattolici, con toni tanto volgari che si fatica a credere.
Vorremmo continuare a respingere le accuse che la Chiesa sta ricevendo sopratutto da molti suoi “figli dissidenti”, secondo i quali starebbe sponsorizzando un’immigrazione selvaggia ed irregolare. Della posizione di Papa Francesco abbiamo parlato in più occasioni....

CONTINUA SU: https://www.uccronline.it/2018/06/20/aiutiamo-i-migranti-a-casa-loro-se-a-dirlo-e-mons-zuppi-arcivescovo-di-bologna/

martedì 19 giugno 2018

La bioeticista Chiara Lalli e la verità sull'aborto. Però nega il dolore delle donne.

Le donne non devono più pentirsi di aver interrotto la gravidanza, ed è meglio che non raccontino più di aver provato dolore fisico o psicologico. Lo pretende la bioeticista tuttologa Chiara Lalli, per almeno due motivi: il primo, il suo libro sulla bellezza dell’aborto cadrebbe definitivamente nell’oblio, il secondo «si fa il gioco dei ProVita».
Docente di Bioetica e Storia della medicina alla Sapienza di Roma, la Lalli è una nostra vecchia conoscenza. Con la stessa sorniona baldanza...

CONTINUA SU: https://www.uccronline.it/2018/06/19/la-furba-chiara-lalli-taciamo-sul-dolore-dellaborto-se-no-vincono-i-provita/

Il cattolico Błaszczykowski, capitano della Polonia, difende i crocifissi nelle scuole

Il Mondiale di calcio è iniziato, lasciando a casa la nostra Nazionale. Oggi la selezione polacca sfida il Senegal e a guidare la Polonia è il difensore Jakub Błaszczykowski. Nome impronunciabile, poco conosciuto da noi (nonostante una parentesi nella Fiorentina), ma famoso in Germania e considerato eroe nazionale in patria.
Il suo personaggio va oltre all’ambito sportivo. Originario di Częstochowa, il più importante luogo mariano per i polacchi, all’età di 11 anni ha assistito all’uccisione della madre da parte del padre, e lei gli morì tra le braccia. Assieme al fratello Dawid è cresciuto con la nonna, Felicja Brzeczeck, una devota cattolica che trasmise a loro la fede...

CONTINUA SU: https://www.uccronline.it/2018/06/19/blaszczykowski-il-capitano-della-polonia-ci-mette-la-faccia-io-non-mi-vergogno-di-gesu/

lunedì 18 giugno 2018

Ecco come smentire Freud: Dio non è un sostituto del padre

Recentemente abbiamo apprezzato un passaggio della riflessione della filosofa morale americana Susan Neiman, attuale direttrice del Forum di Einstein a Potsdam (Germania), in cui avanza alcune obiezioni all’ipotesi psicogenetica della fede formulata principalmente da Sigmund Freud.
La tesi afferma -così come la divulgano navigati catechisti dell’ateismo- che l’immagine che abbiamo di Dio sarebbe una mera proiezione dell’immagine dei nostri genitori, del padre in particolare: «Dio è un sostituto del padre», scrive Freud, «o più precisamente un padre che è stato innalzato, oppure, ancora, è una copia del padre, così come il padre è stato visto e vissuto nell’infanzia» (S. Freud, L’Io e l’Es e altri scritti/Una nevrosi demoniaca nel secolo decimosettimo, 1922). Non viene negata l’esistenza di Dio, ma si attacca la rappresentazione che ne hanno i credenti. «Se versi di nuovo il latte sul pavimento, ti toglierò la tazza», minacciano i genitori ai bambini.,..


CONTINUA SU: https://www.uccronline.it/2018/06/18/dio-proiezione-psicologica-del-padre-una-tesi-debole-e-gia-confutata/

domenica 17 giugno 2018

Così Bergoglio come il ministro Fontana: "La famiglia arcobaleno non esiste"

Ora non avranno più alibi. O forse, si? I contestatori del Papa, che lo accusano di parlare solo di immigrati e non occuparsi di altre tematiche care ai cristiani, ed i falsi adulatori, che usano il suo nome per giustificare pratiche contrarie al suo pensiero (la “cattolica” Michela Marzano è una specialista) come reagiranno alle parole di ieri? «Oggi si parla di diversi tipi di famiglia», ha detto Francesco, «ma la famiglia umana come immagine di Dio, uomo e donna, è una sola. È una sola».
Per chi segue i discorsi del Santo Padre non c’è nulla di nuovo, le stesse cose le ha ripetute ovviamente molte volte (si veda immagini più sotto). La vera novità è che questa volta tutti i principali quotidiani hanno ripreso, fin dal 


CONTINUA QUI: https://www.uccronline.it/2018/06/17/il-papa-famiglia-solo-tra-uomo-e-donna-ecco-come-reagiranno-polemisti-e-falsi-adulatori/

lunedì 11 giugno 2018

La nipote di Martin Luther King ora combatte contro l'aborto

Il nome del pastore Martin Luther King sarà sempre legato ai diritti civili degli afroamericani. L’eredità spirituale è oggi nelle mani della sua famiglia e, in particolare, della nipote Alveda King. La quale continua la battaglia, riconoscendo che «un bambino nero ha tre volte più probabilità di essere ucciso nel grembo materno rispetto ad un bambino bianco».
Alveda ha recentemente accusato sul Washington Post la nota catena di caffetteria Starbucks, in quanto, «attraverso le sue donazioni aziendali, finanzia una delle organizzazioni più razziste nella storia della nostra nazione, Planned Parenthood. Cioè il principale fornitore...

CONTINUA SU:

La scienza nemmeno sfiora gli interrogativi più importanti

«È con la scienza che possiamo sperare di rispondere agli interrogativi dell’uomo. È con la scienza che possiamo contribuire a migliorare la qualità della vita del singolo». Due frasi, buttate lì come finale di un articolo dal prof. Giuseppe Novelli, genetista e rettore dell’Università Tor Vergata di Roma.
Novelli non è certo uno scientista, un odifreddiano antimetafisico, un positivista ottocentesco e, anzi, l’università che dirige è spesso sede di importanti convegni sul rapporto tra fede, scienza e filosofia. Per questo, probabilmente, nemmeno lui avrà dato troppo peso a quanto scritto. Com’è possibile, infatti, credere davvero che tutti gli interrogativi esistenziali che l’uomo matura di fronte alla sua incompletezza, alla sua sete di un significato ultimo, possano arrivare dalla scienza?
CONTINUA SU:
https://www.uccronline.it/2018/06/11/la-scienza-risponde-a-tutto-nemmeno-sfiora-gli-interrogativi-piu-importanti/

domenica 10 giugno 2018

Suffragio femminile, i cattolici arrivarono prima del femminismo

E’ piuttosto trascurato il ruolo importante svolto dal mondo cattolico per rivendicare il diritto di voto alle donne. I precursori cattolici, infatti, iniziarono molto prima a battersi per l’uguaglianza femminile rispetto al femminismo, che oggi si appropria indebitamente di tale lotta.
Per restare in Italia, nel 1917 l’attuale Servo di Dio, don Luigi Sturzo -fondatore della Democrazia cristiana e co-fondatore del Partito Popolare, inserì una donna nei suoi organi dirigenti (Giuseppina Novi Scanni) ed invocò il suffragio femminile quando ancora pochi ...

CONTINUA SU:

Ecco comuni e regioni contro il Gay Pride

«Lurido carnevale». Così lo definì Giovanni Testori, grande intellettuale (dichiaratamente gay). Per il regista Franco Zeffirelli, anch’egli omosessuale, si tratta invece di «esibizioni veramente oscene». Parliamo del Gay Pride, la noiosa sagra dell’arcobaleno fintamente felice, che genera lacerazioni sociali ovunque si svolga ed è avversato, sopratutto, dalle stesse persone omosessuali.
Il motivo è spiegato da Sandro Mangano, presidente dei “gay liberali italiani” (GayLib): «Essere omosessuale non vuol dire essere un pagliaccio...
CONTINUA SU:
https://www.uccronline.it/2018/06/09/i-comuni-virtuosi-che-negano-il-patrocinio-al-gay-pride-2018/