lunedì 13 marzo 2017

Se il mondo tradizionalista ora vuol colpire anche Benedetto XVI

mons. negri benedetto xviDopo la colossale bufala del conclave invalido, dopo il catastrofismo apocalittico tramite la diffusione di false profezie, dopo aver accusato Papa Francesco di qualunque cosa, dalla secolarizzazione occidentale all’ignoranza dei cattolici italiani verso i brani evangelici, il mondo tradizionalista ha trovato un nuovo passatempo.
Sorprende che ad animare i catto-complottisti sia stato questa volta un prelato stimato come mons. Luigi Negri, un’uscita affidata ad un piccolo giornale online locale, Rimini 2.0. Ha abbracciato la teoria del complotto dietro le dimissioni di Benedetto XVI«Ho poca conoscenza – per fortuna – dei fatti della Curia romana», ha dichiarato, «ma sono certo che un giorno emergeranno gravi responsabilità dentro e fuori il Vaticano. Benedetto....

CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/03/13/il-complotto-sulle-dimissioni-di-ratzinger-offende-la-sua-dignita/

venerdì 10 marzo 2017

Quando Steven Weinberg sentì «nostalgia per la gloria di Dio»

fisica ateiCertamente uno dei principali fisici teorici viventi è Steven Weinberg, premio Nobel (1979) e titolatissimo accademico americano. Tra i suoi meriti principali quello di aver enormemente contribuito all’elaborazione della teoria elettrodebole.
Weinberg è anche spesso citato dai critici del teismo e del cristianesimo in quanto dichiaratamente ateo, autore di questa famosissima frase: «Quanto più l’universo ci appare comprensibile, tanto più ci appare senza scopo» (S. Weinberg, “The First Three Minutes: A Modern View of the Origin of the Universe”, Basic Books 1977). Ovvero, con il procedere della scoperte scientifiche, diminuirebbe sempre più la percezione di uno scopo della vita e dell’universo.
Rispettiamo questo punto di vista, ricordando soltanto però che si tratta semplicemente di una opzione filosofica da lui semplicemente scelta: nessun dato naturale e/o scientifico ci costringe o porta necessariamente ad abbracciare questo estremo nichilismo.
Ci ha colpito molto leggere poco tempo fa un chiarimento dello stesso Weinberg circa la sua celebre citazione. «Nel mio libro del 1977, “I primi tre minuti”», ha scritto, «fui tanto imprudente da osservare che “più l’universo appare...

giovedì 2 marzo 2017

Saviano considera criminale l'Islanda perché ha sconfitto la droga

probizionismo islandaIl tema della liberalizzazione della cannabis è tornato d’attualità dopo il suicidio di un giovane di Lavagna (Liguria) durante una perquisizione della Guardia di Finanza.
Roberto Saviano ha sfruttato la sua morte per perorare la battaglia pro-legalizzazione, sostenendo che «uno Stato che vieta potenzialmente criminale». Il sindacato di polizia (Coisp) ha definito «un delirio» le sue «considerazioni, che rasentano il criminale e risultano diffamatorie».
Uno degli Stati europei che Saviano considera «criminali» è certamente l’Islanda, in cui il consumo di cannabis non solo è completamente illegale anche per piccole quantità, ma è punito con il carcere il possesso, la vendita, il trasporto e la coltivazione. «La polizia locale», si legge su Iceland Magazine«può diventare estremamente aggressiva..

CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/03/02/lislanda-ha-sconfitto-la-droga-con-proibizione-ed-educazione-ditelo-a-saviano/

mercoledì 1 marzo 2017

Contrari all'eutanasia, ecco tutte le ragioni di chi si oppone

dj fabo eutanasiaAlla fine Dj Fabo si è fatto uccidere. I Radicali hanno sapientemente sfruttato la sua vita e la sua morte per i loro miseri scopi, selezionandolo tra tanti proprio in corrispondenza di una legge sul testamento biologico alla Camera. Marco Cappato si è autodenunciato, puntando alla gloria personale del martire per poter resistere sulla scena mediatica qualche giorno di più, campando sulle spalle dell’ex dj.
E’ triste anche leggere chi accusa Fabiano Antoniani di essere un “vigliacco”, mostrando incapacità di mettersi cristianamente nei panni di quest’uomo e di provarne umana compassione. L’eutanasia, come ha sempre spiegato Livio Melina, è una «risposta sbagliata, umanamente e moralmente sbagliata, ad un problema vero, reale e drammatico» (L. Melina, Corso di bioetica, Piemme 1996, p. 210). Fabiano, che ha chiesto la presenza di un sacerdote prima di partire per la Svizzera, immerso nella cultura laicista...

CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/03/01/eutanasia-dieci-grandi-ragioni-contro-il-suicidio-di-stato/

lunedì 27 febbraio 2017

Cercare la pace nel buddismo e poi trovarla nel cattolicesimo

conversioni nel buddismoLa verità ci rende liberi, ma che cos’è la verità? Gli uomini di ogni tempo hanno cercato di rispondere a questo interrogativo che da sempre interroga il cuore dell’uomo. Alcuni, soprattutto negli ultimi decenni, hanno cercato la soluzione nelle filosofie e religioni orientali.
In questo articolo vogliamo partire proprio dall’itinerario spirituale di una persona –una delle tante presumibilmente– che non ha accolto la Verità di Gesù Cristo trasmessagli dalla Chiesa Cattolica ma se n’è distanziato, volgendo il suo sguardo ad Oriente e alle sue discipline religiose. Quindici anni di buddismo cinese, buddismo tibetano e induismo. Invece di diventare...

CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/02/27/cercava-la-pace-in-oriente-lha-trovata-nel-cristianesimo/

Il card. Muller scomunica Socci: «posizioni ideologiche»

prefetto contro bergoglioUna grande unità di vedute, un’unità con il Papa. Questo emerge dall’intervista di ieri al prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, Gerhard Ludwig Müller.
Abbiamo atteso che il gruppetto di giornalisti dal cattolicesimo dissidente ne citasse qualche parola, magari strumentalizzandola, invece ancora niente. Forse troppo presi dalla foga di colpire Francesco e i suoi collaboratori.
Müller non ci sta ad essere dipinto come “guardiano” del Papa ed esprime una visione della Chiesa attuale priva di “disastrismo”, del “dove andremo a finire?”, tipica sconsolazione degli ambienti tradizionalisti. «Tutti i cardinali hanno studiato teologia, conoscono la dottrina del papato e dell’episcopato»ha commentato il cardinale tedesco, smentendo l’esistenza di prelati “nemici” di Francesco. «Siamo sacerdoti competenti che conoscono bene la missione del Papa, la sua importanza per tutti. Viviamo una collegialità affettiva ed effettiva con Francesco. Purtroppo alcuni media notano di più le legittime diversità di opinione e non la grande armonia. Il Papa è...

CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/02/27/il-card-muller-sgrida-i-giornalisti-anti-bergoglio-sono-fazioni-ideologiche/

sabato 25 febbraio 2017

L'ultimo ginecologo non obiettore del Molise: «non sono contento quando uccido»

ginecologi abortistiOgni volta che un ginecologo abortista viene intervistato diventa una testimonianza scioccante. «Faccio 400 aborti l’anno, sono l’ultimo ginecologo non obiettore rimasto in tutto il Molise. Ma questo mestiere io l’avevo scelto per far venire al mondo i figli, non per eliminarli».
E’ amara la riflessione emersa ieri su Repubblica del dott. Michele Mariano dell’ospedale “Antonio Cardarelli” di Campobasso. Il suo intervento si inserisce nella polemica di questi giorni per l’avvio di un concorso di assunzione di due ginecologi non obiettori all’ospedale San Camillo di Roma...

CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/02/25/avevo-scelto-di-fare-il-ginecologo-per-far-nascere-i-figli-non-per-eliminarli/

giovedì 23 febbraio 2017

Trump non è cristiano: buona e cattiva politica del presidente americano

politica donald trumpUno sguardo oggettivo sul primo mese di governo di Donald Trump non può non riconoscere aspetti positivi e negativi. Non è certo l’araldo della cristianità, come imprudentemente dichiarato dai suoi ammiratori cattolici, ma condivide alcunei importanti principi con il mondo cattolico, sopratutto in campo bioetico. Sbagliano a non riconoscerlo i suoi detrattori, molti dei quali sono realmente accecati d’odio nei confronti del presidente americano.

I meriti di Trump. Proprio oggi ha revocato la norma di Obama che permetteva ai transgender di utilizzare i bagni pubblici “secondo identità” e non secondo il sesso biologico. Pochi giorni dopo l’elezione il neo presidente americano ha subito mantenuto un’altra promessa: tolti i finanziamenti statali a Planned Parenthood, il più grande ente di cliniche abortiste, il fatto che la femminista pioniera dell’aborto, Sarah Weddington sia terrorizzata da lui è un buon segno...

CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/02/23/un-mese-di-trump-ottime-novita-ma-anche-scelte-non-cristiane/

Il prete nei night club: "poi mi confesso". Ma è una bufala de La Gabbia

la7 prete night clubGira sul web il filmato che Gianluigi Paragone ha trasmesso durante il programma televisivo La Gabbia Open su La7.
Il giornalista Silvio Schembri ha ripreso con videocamera nascosta un uomo dal volto oscurato e dal linguaggio scurrile che, vestito da prete, gira per night club della pianura padana, appartandosi con delle prostitute.
L’uomo è disinvolto, non si preoccupa di come è vestito e di quel che sta facendo tanto, ripete, «poi mi confesso». E se qualcuno lo riconoscesse?, gli chiede il giornalista che finge di essere un cliente normale. «Non mi interessa – dice – Anche perché dentro trovi gente già sposata. Se vengono a saperlo gli dico: “Ti conosco e lo dico a tua moglie. Io al massimo mi confesso…”».
Perfino i commentatori dei quotidiani online che -si sa-, non sono dotati di particolare intelletto...
CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/02/23/il-prete-nei-night-club-un-probabile-falso-di-gianluigi-paragone/

lunedì 20 febbraio 2017

Biotestamento e Dat: la medicina italiana dice "no"

testamento biologico datBen quattro facoltà romane di Medicina –Sapienza, Policlinico Gemelli, Tor Vergata, Campus Biomedico– sono scese in campo con un secco “no” alla proposta di rendere vincolanti le Disposizioni anticipate di trattamento (Dat) nella legge sul fine vita in discussione alla Camera.
La questione è seria, il testo base prevede che il medico sia vincolato dalle disposizioni rilasciate dal paziente -chissà quanto tempo prima-, anche quando vi sia la richiesta di sospensione di nutrizione ed idratazione. I medici, quindi, saranno obbligati a far morire di fame e di sete i loro pazienti dato che cibo e acqua non sono terapia, ma supporti esterni che «soddisfano esigenze fisiologiche», come ha ribadito tre anni fa il Consiglio d’Europa.
Autorevoli esponenti della medicina italiana sono così scesi in campo. «Questa legge mina in profondità l’aspetto più cruciale della professione medica, la relazione medico-paziente»ha affermato Sebastiano Filetti, preside della facoltà di Medicina dell’Università La Sapienza. Preoccupazione anche per il dott. Giorgio Minotti, oncologo e preside della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Campus Bio-Medico di Roma: «Viene scardinato così tutto quello che insegniamo agli studenti circa la relazione medico-paziente. I nostri medici non sono preparati a fronteggiare un cambiamento del genere. E c’è tutto un mondo intorno della famiglia che non viene tenuto in alcun conto»E ancora«L’introduzione delle Dat vincolanti per il medico, riduce il suo ruolo a quello di un erogatore di prestazioni.....


CONTINUA QUI: http://www.uccronline.it/2017/02/20/fine-vita-importanti-voci-mediche-contro-il-biotestamento/